Si è verificato un errore nel gadget

sabato 5 settembre 2009

Chiavella

Se ci pensi è buffo.
Mesi e mesi fa ho comprato una Peugeot da corsa del 1910.
L'ho comprata in Francia, in un fienile, con lo scopo unico di rivenderlae guadagnarci qualcosa.
Ho fatto fatica a pagarla. Ho fatto fatica a portarla in Italia, e quando la bici è arrivata a Torino; ho scoperto, con mia grande sorpresa, che un cerchio era piegato malamente.
Come a scuola (alle elementari) nessuno ne sapeva nulla.
Il venditore diceva che la bici aveva le ruote diritte quand'è stata consegnata all'autista, l'autista dice che lui non ci ha fatto caso.
Così la bici risulta invendibile, o vendibile in perdita. Io la parcheggio lì, dopo averla fotografata minuziosamente ed inizio a coprirla di svitol per giorni e giorni...che non gli fa mai male.
Tempo dopo, un pomeriggio che Mayno era passato a trovarmi, ci mettiamo lì, tanto per far qualcosa, a provare a smontare la bici.
Ora...io avevo un po paura, dato che l'ultima Peugeot che avevo visto smontare ne era uscita con dei danni non trascurabili. Questa è un ipotesi da prendere sempre in considerazione quando vai a toccare componenti che non vedono una chiave inglese da quarant'anni almeno.
Ed invece (miracolosamente) non si ruppe nulla...Ci fu solo un "piccolo" problema, la chiavella della guarnitura non n voleva sapere di venir via.
Dovete sapere che le chiavelle di solito tendono a saldarsi, e diventar tutt'uno con la guarnitura col passare dei decenni, ed è sempre un grande piacere prenderle a mazzate fino a quando non se ne ottiene ragione.
Così scatta un contest di martellate e punteruolo tra me e Mayno.
Niente.
Scatta, successivamente, un contest di trapano, perché come mi insegna Marco in questi casi l'unica soluzione e trapanare la chiavella, svuotarla dell'anima affinche essa possa, sotto la spinta del martello, impandersi ed uscire.
Beh...si è rotta la punta del trapano!!!!!!!
A quel punto abbiamo smesso, dando vinta la battaglia, ma con la certezza e ormai si trattava di guerra.

Rimango così con questo cazzo di telaio in camera, un po' triste e con una punta da ferro in meno.
Poi l'altro giorno un mio amico compra un set di punte da trapano nuovo e me ne faccio prestare subito un paio. Torno a casa . Mi faccio un caffé, preparo una siga, metto il telaio in balcone, attacco il trapano e sorrido, sapendo che stavolta avrei vinto io.
Ci do di trapano, non senza paura. Sai se ti scappa il trapano e rovini una guarnitura con i leoni non è che ne puoi andare a comprare un altra alla Standa.
Ma le punte nuove mangiano il ferro come fosse burro e tra un tiro e l'altro la chiavella si svuota ed è quindi costretta a cedere al martello.
Gioisco, rigirandomi questo cadaverino di ferro tra le dita. Ho vinto la guerra.





Ma sopratutto ho imparato qualcosa di nuovo ed ho riflettuto sulla stranezza delle forze che agiscono in un restauro; perché è buffo notare la differenza con la quale agisci sulle varie componenti.
La chiavella l'ho massacrata attrverso un utensile che esercita una grande forza, eppure lì, a pochi millimetri c'era una delle parti più belle della bicicletta, che non dovevo assolutamente intaccare.
Ci sono parti che pulisci con uno spazzolino, altre che pulisci con il dremel...alcune solo con una paglietta di ferro, a mano; ed altre ancora che prendi furiosamente a martellate.
Questo mi affascina, penso che la crescita stia soprattutto nell'imparare quali parti devi trattare e come.
Questo è artigianato.
Questo mi fa stare bene.
Ed ancora una cosa.
Mi colpisce anche il fatto che, fino a quando non hai una certa conoscenza di base di tutto ciò, "stranamente" non riesci mai a trovare una bicicletta di un certo livello. Come a dire che certe vecchie signore ti arrivano solo se tu sai bene cosa farci.
Un po' come con le donne...non trovate?!?


3 commenti:

  1. Rimango colpito dalle tue parole, ma rilancio ringranziando...consigli per rimontarle correttamente?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. http://biciclettedecadence.blogspot.com/2009/11/peugeot-anni-10.html

    Ho una bici uguale a questa mi sapresti dire il valore approssimativo? è una peugeot del '10. ti ringrazio

    RispondiElimina